Non solo apoteosi per la conquista del titolo mondiale per team, ma anche un grande Andrea Crugnola che, con la Hyundai i20 Rally2, ha concluso la gara al decimo posto aggiudicandosi soprattutto la vittoria nella WRC3, oltre che risultare primo degli italiani al traguardo.

(Comunicato Ufficio Stampa Movisport)

Non solo mondiale per team nella WRC-2 conquistato al Forum8 ACI RALLY MONZA, ultima chiamata mondiale della stagione, ma anche grandi soddisfazioni arrivate da Andrea Crugnola, insieme a Pietro Ometto. La coppia vice-campione d’Italia di rally ha incamerato la decima posizione assoluta ma soprattutto il vibrante successo nella categoria WRC-3, duellando al pari con i protagonisti della stagione iridata.

In un confronto acceso contro Rossel e Kajetanowicz, in lotta per il titolo mondiale, quello appunto WRC-3, il “personaggio” dell’ACI Rally Monza è stato però Andrea Crugnola, con Pietro Elia Ometto e la loro Hyundai i20 Rally2 del RedGrey Team, squadra estone che ha maturato un’importante esperienza nelle gare internazionali. Anche primi tra gli italiani, prendendosi tutti i riflettori della scena monzese, hanno firmato una delle più belle prestazioni in carriera, che conferma le sue doti.

“Potrei definirla una vittoria che vale una stagione” – sottolinea Andrea Crugnola – “È stata una grande soddisfazione raggiungere un risultato di questo livello. Siamo stati sempre molto veloci su ogni tipologia di strade, nelle classiche prove speciali nelle montagne bergamasche come in autodromo a Monza e sui vialetti sterrati del parco. Abbiamo lottato ad armi pari contro i migliori team del Mondiale e siamo riusciti a sopravanzare anche i piloti che si stavano giocando il titolo iridato proprio qui in Italia”. 

Dunque Movisport ha di nuovo imposto il proprio sigillo in una nuova ed esaltante prestazione di un proprio portacolori in un respiro internazionale.

Altri quattro equipaggi griffati Movisport erano al via dell’ACI RALLY MONZA:  Kevin Gilardoni – Corrado Bonato su una Skoda Fabia R5, finiti in 22^ posizione assoluta,  poi Andrea Spataro – Alessia Muffolini (Skoda Fabia R5), 43esimi, Gianpietro Bendotti – Giuliano Vaerini (Skoda Fabia Evo) 29esimi e Massimiliano Settembrini – Giuseppe Mancuso 46esimi con una Peugeot 208 Rally4, anche ottimi sesti di classe.

Infine, alla 1^ edizione del Rally di Chiusdino, in Toscana, sulle strade “mondiali” degli anni ottanta e novanta, Ferrarini – Baroni e la loro Renault Clio RS hanno terminato al quarto posto di classe.